Festival di Sanremo 2017, il compenso di Carlo Conti

Il presentatore del Festival di Sanremo 2017 risponde alle polemiche sul compenso

di Anna Cantarella 1 febbraio 2017 14:15

In un intervista al settimanale Oggi, Carlo Conti è tornato a parlare della polemica che riguarda il suo cachet per la conduzione del Festival di Sanremo 2017. Nei giorni scorsi infatti, dopo la  divulgazione della notizia che Conti riceverà un compenso di 650.000 euro, in moltissimi hanno scritto sul suo account ufficiale Facebook parole di odio e disprezzo rivolte al conduttore Rai, accusato di accettare una ingente cifra di denaro in un momento così difficile per tantissimi italiani. Alla polemica ha partecipato anche Fiorello, intervenuto con un video in difesa di Carlo Conti.

Nell’intervista su Oggi, Carlo Conti espirme tutto il suo rammarico per le critiche ricevute, che ritiene ingiustificate:

Sono amareggiato perché si parla senza sapere, per supposizioni”, dice Conti.  “I miei Festival hanno fatto guadagnare, visto che la pubblicità ripaga ampiamente tutti i costi, e hanno prodotto utili importanti. Non lo dico io, ma le cifre ufficiali (quelle sì che sono vere) rese note dalla Rai.

E visto che il conduttore tv è stato accusato anche di non avere rispetto per la situazione di disagio che molti italiani stanno vivendo in questo periodo, ha tenuto a precisare:

È più bello aiutare gli altri senza farlo sapere, senza sbandierarlo per farsi belli. Avevo già programmato di destinare una somma importante alle popolazioni colpite dal terremoto e volevo tenerlo per me, ma purtroppo queste polemiche assurde mi costringono a renderlo pubblico.

Insomma ogni anno è sempre la stessa storia. Si aspetta Sanremo ma allo stesso tempo non si vede l’ora di criticare il Festival e tutti quelli che sono coinvolti. E quest’anno è Maria De Filippi la vera novità, che oltre a presentare per la prima volta un programma su Rai 1, ha deciso di non ricevere nessun compenso per il suo lavoro a Sanremo.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti