Mark Knoplfer: compleanno e nuovo album

Il celebre chitarrista dei Dire Straits festeggia i suoi 63 anni e aspetta Settembre per il nuovo disco.

di Dario Russo 12 agosto 2012 17:37
Mark Knopfler live

La vita dello scozzese Mark Knopfler, passa tra le canzoni dei Dire Straits insieme allo straordinario sound della sua chitarra e il personalissimo timbro di voce. Il famoso musicista, nato a Glasgow il 12 Agosto del 1949, festeggia i suoi sessantatre anni, in attesa dell’uscita del suo nuovo disco intitolato Privateering che sarà pubblicato il 3 Settembre di quest’anno.

Parlare di Knopfler è come affrontare un lungo viaggio, perdendosi nelle fantastiche melodie da lui composte. La sua attività musicale comincia quando aveva appena quattordici anni, chiedendo ai suoi genitori – come regalo – una chitarra. Da quel momento studia lo strumento musicale da autodidatta prendendo ispirazione da grandi miti come Jimi Hendrix, Django Reinhardt, B.B. King e soprattutto Bob Dylan (con cui arriverà a collaborare nel 1979 nell’album Slow Train Coming). I presupposti verso una splendida carriera e la stoffa del talento uscirono fuori quando con suo fratello David Knopfler alla chitarra, John Illsley al basso e Pick Withers alla batteria fonda i Dire Straits. Il primo disco della band uscirà nel 1978 e prenderà lo stesso nome del gruppo. Da questo lavoro fu estratto Sultans of Swing, successo assicurato e strada tutta in salita fino al 1991 (anno dell’ultimo album).

Dopo il periodo con i Dire Straits, Knopfler debutterà da solista nel 1996 pubblicando Golden Heart; il successo si ripete vendendo circa un milione e seicento mila copie (anche se aveva già collaborato senza la sua band per la realizzazione di varie colonne sonore cinematografiche).

Mark Knopfler – per i suoi meriti musicali – riceverà ben tre dottorati ad honoris causa (nel 1993 da parte dell’università di Newcastle , nel 1995 dall’università di Leeds e nel 2007 dell’università di Sunderland). Nel 1999, la regina d’Inghilterra Elisabetta II lo nominerà Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico e naturalmente non dobbiamo neanche dimenticare la vittoria di quattro Grammy Awards, dei BRIT Awards e di molti altri riconoscimenti che lo hanno reso uno tra i chitarristi più famosi al mondo.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti