La musica contemporanea è sempre più deprimente, lo dice una ricerca

Secondo l'American Psychological Association la musica degli ultimi decenni è sempre più malinconica ed emotivamente ambigua.

di Dario Russo 1 settembre 2012 20:43
Musica deprimente

Come per molti studi, spesso si creano degli aloni di scetticismo, ma ad ogni modo è sempre bene dare uno sguardo alle ricerche, soprattutto se vengono dalla American Psychological Association che ha condotto un progetto sulla musica contemporanea.

I due ricercatori Glenn E. Schellenberg e Christian von Scheve, in merito hanno dichiarato: “Nel corso degli ultimi decenni la musica è diventata sempre più malinconica ed emotivamente ambigua. Il campione da noi esaminato comprende più di 1000 brani entrati nella top 40 di Billboard, e i risultati denotano: maggiore lunghezza delle canzoni, maggiore presenza delle donne in classifica, crescente utilizzo delle tonalità in minore e diminuzione media del ritmo”.

Ecco quindi che buona parte della musica proposta da diversi anni a questa parte, tende prevalentemente ad avere un sound sempre più malinconico e triste.

Sembrerebbe proprio che per questioni prevalentemente di marketing, le musiche con una forte leva emotiva, siano destinate più facilmente al successo, ragion per cui è meglio puntare su questo trend che  può essere trasversale a quasi tutti i generi musicali.

A questo punto, resta solo una cosa da capire;  ossia se è la musica a portare depressione o se è per depressione che si preferisce un certo tipo di musica.

3 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti