Lucio Dalla: è uscito “Qui dove il mare luccica”

Il cofanetto ripropone i più grandi successi dell'artista bolognese più gli storici duetti con nomi come Mina, De Gregori e Guccini.

di Dario Russo 29 novembre 2012 21:40
Dalla

Primo Marzo 2012, muore per infarto Lucio Dalla. La notizia coglie tutti di sorpresa; Bologna in lutto come tutta l’Italia che perdere uno dei più grandi cantautori del nostro tempo, con l’incisione di ben ventitre album studio e vincendo per ben due volte il David di Donatello come miglior musicista , vantando inoltre innumerevoli collaborazioni con i nomi più importanti della musica nostrana.

Per ricordare le sue splendide ed intramontabili canzoni ecco che è uscita la raccolta: “Qui dove il mare luccica”, titolo usato come chiaro rimando ai primi versi della celeberrima Caruso, canzone del 1986 inserita nell’album “DallAmeriCaruso” e scritta dall’artista durante un soggiorno a Sorrento.

Il cofanetto è composto da tre cd, che diventano quattro per la versione deluxe. Un progetto molto interessante e arricchito dagli splendidi duetti come quelli con Mina in “Amore disperato” da Tosca, Morandi e Guccini in “Emilia”, Ron in “Piazza grande”, Marco Mengoni in “Meri Luis”, Ornella Vanoni in “Senza fine”, Francesco De Gregori in “Cosa sarà”, Marta sui Tubi in “Cromatica”, Toni Servillo in “Fiuto”, Neri Per Caso in “Balla balla ballerino”, Tiromancino in “Com’è profondo il mare”, Tosca in “Rispondimi” e J. Fernando in “4-3-1943”.

Si aggiungono  al progetto anche le versioni spagnole di “Attenti al lupo” e “Domenica d’Agosto”, oltre quella inglese di “Piazza Grande”, senza dimenticare “Mon Amour” e “Non sai cos’è”, ossia i due brani che furono editati solo per il mercato tedesco.

Con la pubblicazione della raccolta, dal 30 novembre fino al 2 dicembre, sarà possibile visitare la casa di Lucio Dalla, in via Massimo D’Azeglio15, a Bologna. L’iniziativa è stata patrocinata dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) e dagli eredi di Dalla. Il ricavato degli incassi sarà devoluto alla ricostruzione del Palazzo del Municipio di Finale Emilia, una tra le città che ha subito maggiori danni durante l’ultimo terremoto.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti