Scontro tra Jovanotti e ambientalisti. Il cantante: “cialtroni”

Su Facebook Jovanotti scrive un lungo posto per definire "pseudo ambientalisti", e sedicenti ecologisti i critici del "Jova Beach Tour" sulle spiagge.

di Roberto S. 3 Settembre 2019 10:20

Jova Beach Tour

Lorenzo Jovanotti si scaglia contro gli “pseudo ambientalisti” che continuano a criticare il suo tour definendoli cialtroni. Il cantante non usa mezzi termini contro le associazioni che definiscono la sua tournée dannosa per l’ambiente.

Su Facebook Jovanotti scrive un lungo posto per definire “pseudo ambientalisti”, e sedicenti ecologisti i critici del “Jova Beach Tour” sulle spiagge. Un mega concerto che ha suscitato l’ira delle associazioni fin da quando venne presentato assieme al presidente del WWF Italia, Donatella Bianchi.

L’iniziativa era partita all’insegna del rispetto della natura, perché si voleva presentare il concerto come condizionato alla pulizia della spiaggia, anche in presenza di 40mila persone. Il concerto doveva essere plastic-free, ma gli organizzatori non avevano pensato alla nidificazione degli uccelli, e dovettero spostare la location di Ladispoli.

Poi le critiche arrivarono da Reinhold Messner, contrario ad un concerto nella “quiete della montagna”. In Romagna gli ornitologi hanno criticato il cantante che avrebbe disturbato i fenicotteri, e anche nelle altre località c’è sempre stata una polemica legata all’ambiente. Alcune date sono state cancellate, in altri casi si è cambiata location, mentre molti concerti si sono tenuti regolarmente.

Lo sfogo del Jova

Dopo aver sempre replicato alle accuse, ora Jovanotti sembra aver perso le staffe, ricordando come la tournée avesse avuto il parere positivo del Wwf. Il cantante lo considera “un vero comitato scientifico e una rete vera e diffusa di operatori ed osservatori”. Un punto di riferimento che secondo Jovanotti è più che sufficiente, mentre le altre associazioni non sono degne de suo rispetto:

“Non mi sarei mai aspettato, nonostante non sia un ingenuo rispetto a questo genere di cose, che il mondo dell’associazionismo ambientalista fosse così pieno di veleni, divisioni, inimicizie, improvvisazione, cialtroneria, sgambetti tra associazioni, protagonismo, narcisista, tentativi di mettersi in evidenza gettando discredito su tutto e su tutti, diffondendo notizie false, approfittando della poca abitudine al “fact checking ” di molte testate. Il mondo dell’ambientalismo è più inquinato dello scarico della fogna di Nuova Delhi!”.

Il riferimento è a Legambiente e Enpa, ma anche di ad altre associazioni che secondo il cantante porterebbero a “un delirio nei social, una miriade di cazzate sparate a vanvera da chiunque, una corsa al like facile da parte di sigle e siglette che hanno approfittato ogni giorno della visibilità offerta da un nome popolare e da un grande evento per cavalcare l’onda, mettersi in mostra, inventare palle, produrre prove false che nessuno mai verificherà perché la rete è così”.

Commenti