Carmen Consoli diventerà Cavaliere della Repubblica

Per la cantante catanese il riconoscimento arriverà il 30 Novembre

di Dario Russo 20 novembre 2012 19:40
C. Consoli

Per i siciliani, per i musicisti, per i fan e soprattutto per Carmen Consoli, si tratta di una bella notizia; la cantante catanese riceverà la prestigiosa onorificenza di Cavaliere della Repubblica – con altri 34 personaggi – Venerdì 30 Novembre. Il riconoscimento viene dato in base ai meriti raggiunti in campo lavorativo, sociale, politico, militare e artistico. L’annuncio è stato pubblicato sui canali ufficiali della stessa Consoli dove si può leggere: “Una onorificenza importante, prestigiosa, che inorgoglisce chi ne è insignito. Carmen ringrazia con affetto e commozione chi ha visto in lei un’artista che si spende per poter dare una parte di sé agli altri, con sincerità e verità“.

Un’altra gran bella soddisfazione per la Consoli che corona una ricchissima carriera cominciata nel 1996, quando con il brano “Amore di plastica”, scritta in collaborazione con Mario Venuti, partecipò al Festival di Sanremo, esordendo nella categoria giovani. Il singolo venne inserito nel primo disco della Consoli intitolato “Due parole”, in cui era presente anche il brano “Quello che sento”.

Da quel momento, il suo particolarissimo timbro di voce non passò inascoltato e permise a Carmen Consoli di ripresentarsi nuovamente al festival l’anno successivo, con “Confusa e felice” che divenne anche il titolo del nuovo disco, in cui spiccarono anche canzoni come “Venere” e “Uguale a ieri”. L’album ebbe un ottimo successo, vendendo oltre 120 mila copie, certificando in Italia il disco di platino.

Fu così che oramai la Consoli entrò nell’olimpo della musica italiana, costruendo un carriera professionale giunta ad un totale di sette album studio, aggiudicandosi vari premi come il Telegatto nel 1997 e sempre nello stesso anno il Premio Italiano della Musica, come rivelazione dell’anno, rivincendo quest’ultimo riconoscimento nel 2000 per la miglior canzone dell’anno con “Parole di burro” e come artista femminile dell’anno, senza dimenticare molti altri meriti raggiunti nel corso del tempo; per tale ragione l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica, altro non è che una ciliegina sulla torta.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti